Serie di Girasoli – Da Van Gogh a…me!

Oggi vi propongo un look vintage a base di fiori gialli. Qual è l’ispirazione? Vincent Van Gogh e la sua serie di Girasoli. In tanti hanno scritto dei versi su questo tipo di fiore e tempo fa ci ho provato anche io!

Vaso con quindici Girasoli, Vincent Van Gogh.

quadro girasoli van gogh

Chi non conosce Vincent Van Gogh (1853-1890), il genio olandese autore della celebre opera Notte stellata e di famosi autoritratti? Non meno nota è la serie di dipinti dedicata ai Girasoli. Le tinte vivaci e le pennellate decise di questi fiori trasmettono vitalità e riflettono l’attaccamento di Van Gogh alla luce della Provenza. Molti dei quadri furono infatti realizzati ad Arles, luogo in cui Van Gogh visse e consolidò l’amicizia con Paul Gauguin. Al suo amico regalò alcuni quadri di questa serie, doni che purtroppo non bastarono a far durare l’amicizia tra i due, conclusa dopo il famoso episodio del taglio dell’orecchio.

Quello che apprezzo di Van Gogh è l’idea di prendere un tema e di approfondirlo, sviscerarlo come chi sa che per comprendere qualcosa deve andare in profondità e non fermarsi mai a una sola interpretazione.

Mi sono ispirata ai Girasoli di Van Gogh indossando un vestito in stile vintage Zara, con fiori gialli e con un collo beige di pizzo, che ricorda un po’ quello del look alla Czok. In testa ho messo un basco H&M, per ottenere lo stile parigino a me molto caro.

vestito-fiori-cappotto-cammello

Ho completato l’outfit con un cappotto color cammello Conbipel, con tasche e cinta in vita, e con stivali di camoscio beige con bordini in pelle nera di manifattura artigianale.

Credo che il girasole già solo per il nome sia naturalmente fonte di ispirazione. Io ho scritto in fasi diverse 2 componimenti sul girasole, creando nel mio piccolo la mia personale “serie” di Girasoli. Nella prima poesia (non so mai se meritare questo termine) mi paragono a un girasole solitario che, nonostante la propria positività, a volte deve far fronte all’assenza di sole.

girasole-poesia

Nella seconda poesia compro un girasole per proteggermi dall’amore e dalle sue scottature.

poesia-girasoli

Anche io mi sento di poter affermare come Vincent Van Gogh che “Il girasole è mio, in un certo senso” e in fondo questo fiore appartiene un po’ a tutti noi, donandoci ogni giorno continue suggestioni.

Chi non avesse ancora scritto qualcosa sui girasoli, probabilmente lo farà presto, agli altri non mi resta che l’invito a indossare un abito a stampa fiorata o un accessorio che li richiama: doneranno luce e, se rappresentati con stile, saranno comunque poesia!

Un saluto da Rossella.

Lascia un commento